WhatsApp

Mancano pochi giorni e dal 1 Febbraio 2020 WhatsApp smetterà di funzionare su alcuni smartphone. E’ infatti prassi consolidata, per motivi di sicurezza in particolare, che l’app abbandoni piattaforme ritenute obsolete e non più supportate dai produttori.

Ovviamente, è bene precisare, si tratta di dispositivi datati su cui sono installate versioni di sistemi operativi ormai indietro nel tempo, dai 5 anni in giù. Misure che tendono a preservare il livello di sicurezza dato dall’avere sul proprio smartphone versioni aggiornate dei rispettivi sistemi operativi.

WhatsApp, lo ricordiamo, è il servizio di messaggistica istantanea di proprietà di Facebook più famoso al mondo e compone, insieme a Instagram, il tris di applicazioni del colosso di Palo Alto.

WhatsApp, su quali dispositivi non funzionerà più

Iniziamo dunque col dire, in maniera generale, che dal 1° Febbraio 2020 questa sorte toccherà agli iPhone con sistema operativo iOS 8 e ai dispositivi con installato Android 2.3.7 o versioni precedenti. Occorre dire che, nonostante alcuni ancora usino questi dispositivi, il numero degli smartphone toccati da questa periodica revisione dovrebbe essere minimo.

Ovviamente non tutti ricordano esattamente e in maniera istantanea quale sia il sistema operativo installato sul proprio dispositivo. Per capirlo c’è un modo molto semplice. Su Android andare in Impostazioni/Sistema/Informazioni su e là c’è la versione di Android installata. Per iPhone quindi iOS andare in Impostazioni/Generali/Info-Aggiornamento software e làc’è la versione di iOS installata.

C’è un modo per continuare a usare l’app?

Se avete installato sul vostro smartphone uno di questi sistemi operativi l’unica soluzione per continuare ad usare WhatsApp è quella di cambiare dispositivo, perché ovviamente vi saranno delle restrizioni all’utilizzo di alcune funzioni e sarebbe sempre bene tenere aggiornato il livello di sicurezza delle vostre conversazioni e dei dati.

Leggi anche  Come bloccare un contatto su WhatsApp (Android)

Il che si ottiene, fra le altre cose, con un sistema operativo aggiornato costantemente agli ultimi standard in tema di sicurezza e privacy.

Photo – Pixabay

Stefano Ursi

Classe 1979, romano. Da sempre amo la comunicazione. Video, audio, radio, social, siti web, tv. Consulente digital, social media, web content, ghost writing.