Quando le distanze ci riavvicinano

In tempo di emergenza Covid 19 (o coronavirus come siamo abituati a chiamarlo) molte sono le cose che stiamo riscoprendo. Una fra tutte il valore dei rapporti umani. Con l’obbligo di rimanere in casa per contenere il contagio ci ritroviamo a sentire la mancanza del contatto, elemento in altri momenti visto anche come superfluo.

Social, altri svaghi, priorità personali e familiari e, diciamocelo, un pizzico di individualismo spesso ci spingono ad uno strano isolamento; in cui troppi contatti, troppi incontri ci appaiono quasi una perdita di tempo rispetto al resto. Oggi tutto questo tende a ribaltarsi. E’ come se, rinchiusi forzatamente in casa, sentissimo la necessità impellente di vedere persone.

Il paradosso delle bottiglie nella stanza

Non possiamo abbracciare o stringere la mano, cosa che magari prima facevamo poco o nulla. E oggi non vorremmo fare che quello. Come chi è chiuso in una stanza con bottiglie piene d’acqua e non ha sete, e quando portano via le bottiglie e sa di non poterne più avere inizia ad avere sete.

Stesso vale per chi ci è accanto, come la famiglia o gli amici più stretti, compagni e compagne. Oggi, nella chiusura forzata della porta di casa se non per esigenze di prima necessità come la spesa o il lavoro, sentiamo paradossalmente più vicino chi amiamo. Ne sentiamo la mancanza o ne apprezziamo sensibilmente di più la presenza.

Diamo tutto per scontato

Prima non li ritenevamo così importanti? Non ne sentivamo la mancanza? Il punto è che quando le cose vanno bene  tendiamo a dare tutto (e tutti) troppo per scontato. Finché abbiamo bottiglie d’acqua diamo per scontato che non avremo mai sete e se l’avremo potremo soddisfarla. Perché l’acqua è là, scontata.

Leggi anche  La festa del papà e una figura da riscoprire

Questo momento finirà, la crisi legata all’emergenza coronavirus finirà, ma non potremo mai dire di aver imparato se non manterremo alta la forza dei sentimenti, di quel senso di appartenenza ad affetti e legami che oggi, a distanza, riscopriamo. Le distanze a volte ci riavvicinano. Dovremo fare in modo di rimanere vicini, anche quando le distanze si saranno accorciate.

Photo – Pixabay

Stefano Ursi

Classe 1979, romano. Da sempre amo la comunicazione. Video, audio, radio, social, siti web, tv. Consulente digital, social media, web content, ghost writing.